Conferenza stampa a Montecitorio

Secondo i dati dell'Ipcc nei prossimi 7 anni potremmo avere 700 milioni di profughi climatici, come 200 Ucraina. E con 2 gradi di surriscaldamento globale entro il 2100 ci saranno 160 milioni di persone in carenza idrica nel Sud dell’Europa, questo significa che più della metà della popolazione vivrà senza acqua. E questo viene favorito in queste stanze: è un genocidio. È il massacro della gente della mia età. Non è un problema scientifico è la più grande psicopatia espressa dalla società e dalla gente che vive in queste stanze. Stiamo parlando di psicopatici che vogliono ammazzare la mia generazione e le prossime 10.000 per mantenere un briciolo di potere in un mondo che sta cadendo a pezzi”, Michele Giuli


Roma, 14 settembre 2022 - Negli ultimi tre anni i governi guidati da Conte e Draghi non solo non hanno fatto nulla per promuovere le fonti di energia rinnovabili, che pur potrebbero generare 15.000 posti di lavoro per ogni miliardo investito contro i 700 garantiti dalle fonti fossili, ma hanno iniettato continuamente soldi pubblici nell’industria del fossile. Il governo Draghi con il dl 50/2022 (art. 5) ha impegnato l’Italia per i prossimi 20 anni nell’installazione di rigassificatori senza valutazione impatto ambientale, senza valutazione ambientale strategica, senza autorizzazione integrata ambientale. Poi con il dlgs 14/2022 ha consentito una deroga dei limiti nazionali alle centrali a carbone e olio combustibile, in assenza di una situazione di emergenza dichiarata e con costi che graveranno esclusivamente sulle bollette pagate dai cittadini.

Francesco Bollini Leonardo Lovati in sciopero della fame, Ultima Generazione a Montecitorio

A squarciare il velo sulle ipocrisie della politica è stato questa mattina l’onorevole Giovanni Vianello nel corso della conferenza indetta presso la sala stampa di Palazzo Montecitorio per presentare lo sciopero della fame portato avanti dalla coalizione di cittadini Ultima Generazione.

Tutto questo nell’anno record di esportazioni di gas per l’Italia, con più di 2 miliardi di metri cubi rivenduti all’estero, e nella quale l’obiettivo dichiarato è quello di diventare un hub del gas, in una logica di promozione dei rigassificatori. Sulla politica di incentivazione del fossile ho cercato confronto ovunque in questi anni ma i miei interrogativi sono rimasti aperti. Ho visto tutti i politici in aula abbassare lo sguardo davanti alle mie domande”, ha dichiarato Vianello, che ha introdotto la presentazione.



I fatti sono molto semplici: quando le temperature si alzano non c’è trattenimento dell’acqua nel terreno. La Coldiretti ha stimato per quest’anno in Lombardia una perdita di un terzo dell’orzo, del frumento e del riso, della metà di foraggi e del mais e del 20% del latte. I contadini del pavese sono stati denunciati perché sono arrivati a rubarsi l’acqua a vicenda”, ha spiegato Michele Giuli, portavoce di Ultima Generazione. Il suo intervento si è poi soffermato sulle previsioni più ottimistiche degli scienziati per i prossimi anni, che dovrebbero rappresentare il punto di partenza dell’azione politica del governo dei prossimi anni. “Secondo i dati dell’IPCC nei prossimi 7 anni potremmo avere 700 milioni di profughi climatici, come 200 Ucraina. E con due gradi di surriscaldamento globale entro il 2100 ci saranno 160 milioni di persone in carenza idrica nel Sud dell’Europa, questo significa che più della metà della popolazione vivrà senza acqua. E questo viene favorito in queste stanze: è un genocidio. È il massacro della gente della mia età. Non è un problema scientifico è la più grande psicopatia espressa dalla società e dalla gente che vive in queste stanze. Stiamo parlando di psicopatici che vogliono ammazzare la mia generazione e le prossime 10.000 per mantenere un briciolo di potere in un mondo che sta cadendo a pezzi”, ha aggiunto.

Ultima Generazione in Parlamento a Montecitorio

Lo sciopero della fame continua. Il 3 settembre gli attivisti di Ultima Generazione hanno avviato uno sciopero della fame per chiedere ai leader dei principali partiti politi. Letta, Meloni e Salvini, e da oggi anche Conte, di un incontro pubblico per parlare apertamente della crisi eco-climatica e delle sue conseguenze sull’economia e un impegno a firmare un decreto legge che impedisca l’apertura di nuove centrali di estrazione di idrocarburi, interrompa la riapertura di centrali a carbone dismesse e incrementi immediatamente l’energia solare ed eolica di almeno 20 GW.

Michele Giuli ha fatto il punto sulle risposte dei politici, con risultati scarsi: “Queste persone dovranno connettersi con la realtà e capire che dovrebbero farlo per salvare sé stessi e i propri figli”.

Ultima Generazione in Parlamento a Montecitorio
Foto © Angelo Andrea Vegliante

Le testimonianze di Francesco e Leonardo. Lo sciopero del sedicenne Francesco Bollini è andato avanti per 8 giorni dal 3 settembre. Al suo posto ora lo stanno portando avanti Alessandro Berti e Alessandra Elise Leòn Farfan, oggi in piazza della Scala a Milano, e Leonardo Lovati, oggi a Palazzo Montecitorio con Francesco e da domani a Milano.

Manca connessione emotiva fra i dati a nostra disposizione e la vita di tutti i giorni. Questo è un grandissimo problema. Quando la gente ha cominciato a morire per via del covid, il governo non ha esitato a prendere decisioni immediate. Se oggi percepissimo le conseguenze del surriscaldamento globale agiremmo in modo altrettanto perentorio. Se Milano restasse senz’acqua per due mesi, se Venezia fosse inondata e morissero migliaia di persone, se avessimo un figlio in preda agli spasmi da inedia lo faremmo. Queste conseguenze ci saranno, abbiamo un limitato periodo per invertire rotta. Possiamo farlo ma ancora per poco”, ha affermato Francesco Bollini.


Leonardo Lovati ha iniziato ieri il suo sciopero della fame e ha annunciato: “Probabilmente finirò in ospedale. Lo farò anche volentieri, nella speranza che il sacrificio di poche persone possa aiutare a cambiare la percezione del problema e aiutare a costruire una rete di solidarietà. Desidero che il mio sciopero della fame sia un simbolo del tempo che stiamo sprecando continuando raccontarci un’illusione e impegnandoci in lavori che non stanno aiutando la nascita di una società nuova. Invito tutti ad attivarsi perché l’alternativa è terrificante”.

Ultima Generazione parlamento senato camera deputati



Supporta
Ultima Generazione

Abbiamo tante spese legali,

aiutaci a sostenerle!

Unisciti

Unisciti

I prossimi 3 anni saranno significativi per contrastare in modo efficace il collasso.

Attiva il cambiamento, fallo ora!

Firma la petizione

Abbiamo anche lanciato una petizione su Change.org per chiedere nuovamente al Governo italiano di eliminare i combustibili fossili e investire in fonti di energia rinnovabili.